Inizio > > Ordinamento degli studi, esami, tesi Giovedì 01 ottobre 2020
 

Note e Norme
Ordinamento degli studi, esami, tesi - (2013/14)

 

III. Condizioni riguardanti la tesi dottorale

1. Il candidato deve elaborare una tesi, che sia un reale incremento della scienza, sotto la guida di un moderatore e con l’aiuto di due correlatori nominati dal Consiglio di Facoltà su presentazione del Decano (Ord. art. 14, 2c).

2. Il candidato deve consegnare quattro copie della tesi dottorale alla Segreteria generale nei termini fissati per ogni sessione, cioè almeno un mese prima della discussione (cfr. p. 22). La commissione esaminatrice è costituita dal moderatore e dai due correlatori.

3. La tesi dottorale deve essere contenuta normalmente tra le 200 e le 300 pagine (Ord., art. 35, 4).

4. Per procedere alla discussione della tesi dottorale si richiede l’autorizzazione del Rettore (Ord., art 35, 5).

5. La discussione della tesi dottorale sarà fatta normalmente nelle sessioni ordinarie (cfr. p. 22), sotto la presidenza del Decano (Ord., art. 13d).

IV. Stampa della tesi di dottorato

Per conseguire il grado accademico di Dottorato si richiede che il candidato, apportate le eventuali correzioni, faccia richiesta alla Segreteria generale del “vidimus et approbamus” nel momento in cui presenta il testo rielaborato. Il Segretario Generale verificherà l’approvazione dei censori e indicherà le modalità per la stampa delle 30 copie da consegnare in Segreteria.

Se si stampa un estratto, si richiede che esso comprenda almeno 50 pagine, e che si attenga alle indicazioni della Segreteria (come sopra).

Prima di procedere alla stampa il candidato è tenuto a far visionare alla Segreteria Generale una bozza del volume, in formato cartaceo o digitale.




 
 
Martín Carbajo Núñez - via Merulana, 124 - 00185 Roma - Italia
Questa pagina è anche attiva qui
Webmaster