Inizio > Rivista Antonianum > Articoli > Giordani Martedì 20 agosto 2019
 

Rivista Antonianum
Informazione sulla pubblicazione

 
 
 
 
Foto Giordani Bruno , Recensione: E. Fizzotti - A. Gismondi, // suicidio. Vuoto esistenziale e ricerca di senso , in Antonianum, 67/1 (1992) p. 166-167 .

L'analisi sul suicidio segue qui una traiettoria originale: non si parla di morte, ma - paradossalmente - di vita. La rassegna dei vari tipi di suicidio; le sta­tistiche recenti condotte in campo europeo e, in forma più analitica, in Italia; il confronto istituito sulla frequenza del fenomeno secondo diversi parametri (sesso, età, stato civile, livello culturale, occupazione) costituiscono il quadro-base sul quale gli Autori conducono le loro analisi (Parte I).

Nella Parte II vengono passate in rassegna diverse teorie che tentano di spie­gare i motivi che portano la persona a togliersi la vita.

La Parte III presenta il concetto di persona, maturato nell'ambito della psi­cologia umanistico-esistenziale e completato da V. Frankl: l'uomo è un composto tridimensionale (soma - psiche - spirito), è libero e responsabile, per realizzarsi ha bisogno di dare un significato alla vita; ha una disposizione naturale a tendere ai valori trascendenti.

L'ultima Parte del lavoro dimostra come sia preferibile prevenire il suicidio, anziché limitarsi a curarlo. Per attuare una prevenzione efficace, gli Autori pro­pongono norme pratiche e operative (pp. 173-185). Vengono esposti alcuni tipi di intervento, rilevandone i limiti. Si nota che essi peccano di unilateralità, in quanto ognuno tiene presente un solo aspetto del fenomeno: o quello fisico, o quello psi­cologico, o quello socio-economico (pp. 194-197).

Gli Autori del lavoro qui presentato ritengono di dover integrare questi ap­procci unilaterali e limitativi, aggiungendovi l'aspetto «esistenziale» per dare alla prevenzione un volto più umano. Tale proposta è ispirata alla concezione fran-kliana della persona e viene tradotta nei principi operativi della logoterapia.

Se dopo aver letto il lavoro si torna a dare un'occhiata alla Premessa, non si può che riconoscere come e vere e efficacemente dimostrate le affermazioni e gli intenti ivi contenti. Il lettore attento rimane convinto che: nel lavoro viene con­dotto un discorso di «vita»; risultano dimostrate «le possibilità di vivere una vita piena»; si possono aiutare concretamente le persone in difficoltà «a scegliere vo­lontariamente la vita». La piena e convinta adesione all'esposizione condotta dagli Autori va, infine, anche alla definizione originale che viene data del feno­meno analizzato: «Il suicidio non esprime la libertà di morire, ma la soppressione della libertà di vivere».


 
 
 
 
 
 
Martín Carbajo Núñez - via Merulana, 124 - 00185 Roma - Italia
Questa pagina è anche attiva qui
Webmaster