Inizio > Rivista Antonianum > Articoli > Nobile Giovedì 12 dicembre 2019
 

Rivista Antonianum
Informazione sulla pubblicazione

 
 
 
 
Foto Nobile Marco , Recensione: Diego Arenhoevel, Genesi. Preistoria, memoria dei patriarchi e storia di Giuseppe; Rudolf Schmid, Esodo-Levitico-Numeri. Dio cammina con il suo popolo; Georg Braulik, Deuteronomio. Il testamento di Mosč , in Antonianum, 62/4 (1987) p. 467-468 .

Questi tre agili e preziosi libretti, tradotti dall'originale tedesco della Verlag Katholisches Bibelwerk di Stuttgart, mostrano a quale grado di maturità siano giunti gli studi esegetici condotti secondo la metodologia storico-critica. Essi sono un'opera di divulgazione, ma proprio per questo (il genere letterario della seria divulgazione non è di facile applicazione) si ammira la padronanza dei risultati di un'immane ricerca esegetica plu-ridecennale. Le tempeste vi vengono acquietate e solo l'occhio esperto riesce a scorgere tutte le tracce a volte quasi impercettibili, di un lun­ghissimo lavoro critico.

Il tutto viene presentato in modo piano, senza gravi scosse, così che l'operatore pastorale, lo studente o qualsiasi persona desiderosa di acco­starsi per la prima volta in modo serio alla Bibbia, vengano condotti a percorrere tutto il pentateuco, fino a possederne le linee di fondo.

Data l'indole dell'opera, non è il caso di discutere questioni di detta­glio. Essa vuol essere una sintesi rapida e funzionale di guel grande blocco di testi che è la Torah. Ci limitiamo perciò a lumeggiarne la struttura.

Il primo volume è il più ampio e tratta del Genesi. Arenhoevel è un maestro della traduzione concettuale e pastorale dei difficili contenuti del libro più ricco di tutta la Bibbia. La trattazione è divisa in tre parti (1,1-11,9; 11,10-36,43; 37-50), ciascuna preceduta da una breve introduzione che offre la chiave di lettura dei racconti.

Il commento è chiaro ed essenziale.

Il secondo volumetto abbraccia l'Esodo, il Levitico e i Numeri. Oc­corre maestria per sintetizzare in modo gradevole libri così complessi e in parte ostici. Lo Schmid vi riesce, dando, com'era da prevedersi, un più ampio spazio all'Esodo (più della metà delle pagine) e tratteggiando poi rapidamente le linee letterarie e teologiche degli altri due libri.

Il Braulik, noto esegeta, non è da meno nella presentazione del Deuteronomio nel terzo libretto. Le esigenze critiche di fondo e in parti­colare la teologia complessa e ricca di tale libro, « cuore dell'AT », vengono soddisfatte a sufficienza.

I pastori e i cristiani impegnati non potranno lamentarsi di mancare di tempo e di disponibilità per le astruserie esegetiche.


 
 
 
 
 
 
Martín Carbajo Núñez - via Merulana, 124 - 00185 Roma - Italia
Questa pagina è anche attiva qui
Webmaster