Inizio > Rivista Antonianum > Articoli > Falcone Domenica 18 agosto 2019
 

Rivista Antonianum
Informazione sulla pubblicazione

 
 
 
 
Foto Falcone Luigi , Auctor respondit:, in Antonianum, 80/3 (2005) p. .

In risposta aduna recensione al volume "Vita, morte e miracoli mara­vigliasi", del P. Giacomo da Bisignano, apparsa su «Antonianum», LXXVIII (2003), fase. 4, a firma di Marco Paggiossi.

La recensione al volume da me curato Vita, morte e miracoli maravigliasi, del P. Giacomo da Bisignano, recentemente apparsa su «Antonianum», LXXVIII (2003), fase. 4, a firma di Marco Paggiossi, ha suscitato in me non poche perplessità, a tal punto che più volte ho pensato se fosse il caso di dare risposta oppure se fosse stato meglio, secondo il consiglio dantesco, non cu­rarmi di lui ma guardare e passare oltre.

I toni accesi con cui l'autore si è scagliato contro l'edizione del testo, che aveva la semplice aspirazione di far conoscere un interprete poco noto dell'età della Controriforma, mi hanno tuttavia indotto alla prima soluzione.

Se proprio vogliamo discutere di inesattezze o disattenzioni (tali sembrano essere le accuse del Paggiossi quando dice che il sottoscritto "non sembra ave­re le idee abbastanza chiare su cosa sia un 'archetipo ' e un 'originale "'), è for­se il caso che queste categorie vengano applicate anche all'autore della recen­sione che, probabilmente, non ha letto attentamente o forse non ha compreso bene lo spirito della pubblicazione, che voleva essere ed è essenzialmente una testimonianza di fede da parte dei contemporanei verso la grande e bella figura di un mistico del periodo della Controriforma in Calabria. Infatti, è soprattutto con tale intento che il manoscritto è stato disseppellito dall'oblio dei secoli e reso noto al grande pubblico dei lettori.

II     Paggiossi ricorda quanto è detto a p. XVIII a proposito della pubblica­zione di Anversa del 1886, relativa alla vicenda storica di Umile da Bisignano e Cado da Sezze. Innanzi tutto si dovrebbe tenere conto del contesto nel quale si colloca la mia espressione: dopo aver ricordato alcune notizie essenziali della vita di fra' Umile, l'evento della sua beatificazione e Vattualità del suo messag­ gio, ho creduto opportuno soffermarmi rapidamente sui biografi del Santo, e ho fatto riferimento anche alla pubblicazione di Anversa, che ha accomunato i due francescani proprio perché beatificati nello stesso giorno, e durante la stessa
celebrazione liturgica. Altri motivi non se ne ravvedono, se non il fatto che en­trambi siano vissuti nel convento di San Francesco a Ripa in Roma, e che ab­biano fatto parte della stessa famiglia francescana. Eventuali altre motivazioni, qualora il recensore potesse indicarle, sarebbero certamente benvenute.

Sarei poi curioso di sapere perché il recensore non è d'accordo sull'ipotesi avanzata, secondo cui la vita di P. Giacomo possa essere stata scritta in vista di un Processo diocesano per la beatificazione; se quanto è detto nell'introduzione al testo critico "non è certo provato, come pretende il curatore", dimostri il contrario il recensore, e riceverà sicuramente l'espressione della mia gratitudi­ne. Fatto sta che P. Giacomo scrive nel 1646, nove anni dopo la morte del Ser­vo di Dio; nel 1648, e dunque solo dopo due anni dalla "Vita" di P. Giacomo, viene celebrato un primo Processo diocesano.

Si tratta pur sempre di una ipotesi, in mancanza di una documentazione ar­chivistica coeva più abbondante. Del resto, se Paggiossi avesse letto attenta­mente quanto riportato a p. XXI, avrebbe avuto modo di comprendere con quanta cautela l'ipotesi veniva avanzata: "che egli scrivesse in vista di un pro­cesso di beatificazione, non è certo provato". Tuttavia, non è casuale la cele­brazione del Processo diocesano nel 1648 ed il fatto che la "Vita" di P. Giaco­mo non fu mai data alle stampe, proprio perché probabilmente si trattava di una fase preparatoria all'istruttoria.

A questo punto, è lecito dubitare anche che, visti i giudizi certamente af­frettati, il Paggiossi abbia letto attentamente non solo la pagina in questione, ma, addirittura, il testo stesso della "Vita" di P. Giacomo; infatti:

  • a p. 81 dell'edizione si comprende chiaramente che siamo in presenza di una raccolta ài fatti miracolosi, quando l'autore riporta: "Altri miraculi: vedi il Misceli. N. 7 et 8, cap. 9";
  • a p. 156 si dice: "Maraviglioso avvenimento accademmi a me, fra' Giacomo da Bisignano a dì 30 di giugno dell'anno 1647, giorno della domeni­ca 3 dopo Pentecoste, che essendo stato chiamato in Cosenza dal padre fra ' Antonio della Motta...acciò assieme formassimo processo sopra la vita, morte e miracoli della buona e santa memoria del nostro fra ' Umile da Bisigna­no... ed andati in casa d'un nobile dottore di detta città di Cosenza, chiamato Giovanne Buonvicino, per ricevere consulta, come dovessimo portarne in for­mar'il detto processo ...ci certificò che con la sola facoltà del padre reverendis­simo nostro Generale non possiamo farlo, stante il Decreto della sacra Con­gregazione de' Riti, dato sotto li 12 di marzo 1631";
  • a p. 158 è scritto: "ci risolsimo di lasciar di formare il processo in Cosenza e venire in Bisignano, dove principiassimo il detto Processo con la delegazione del vicario apostolico, finché venisse la facoltà et altro modo di formar il Processo... Tengo a memoria che dalle 23 ore di detta domenica per sin ali 'ore otto del seguente lunedì stavo tutto sopito et estratto dalle sopra det­te cose, ma bensì mi trovavo inverso dentro un abisso di confusione di negotìj del nostro sudetto fra' Umile e con lo quale sempre trattavo, senza che avesse ottenuto risolutione prima come mi dovesse incaminare e dar principio nelle cose, che per lui doveva fare, circa lo epilogatione del suo Processo";
  • ed infine, sempre a p. 158: "Atteso che, stando presenti alcuni decreti della felice memoria d'Urbano ottavo, che si devono osservare nella canoniza-tione e beatificatione de' santi, mandati in luce in Roma l'anno 1642, e tutti questi proibivano noi, come allora eravamo risoluti formar il detto processo, et anco l'esperienza ad esso ci lo dimostra, poiché il vicario apostolico Annibale Sillano di questa città ave cominciato a formar il sudetto Processo altrimente di quello, volevo far io assieme con detto padre fra' Antonio in Cosenza, e questo è quanto con giuramento affermo".

    Riterrei che ce ne sia più che a sufficienza perché l'osservazione del re­censore possa venir contraddetta.

    Nella recensione, inoltre, si afferma: "Nulla o quasi nulla è detto del ma­noscritto". Probabilmente l'autore non ha letto con sufficiente attenzione quan­to è scritto alle pp. XX-XXII, dove si riportano, sia pure brevemente, "storia e vicende' del manoscritto.

    Avendo indicato il mio lavoro come "testo critico" e non come "edizione critica", penso di aver dimostrato sufficientemente di "avere le idee abbastanza chiare" su cosa sia un "archetipo" e cosa sia un "originale". Ad ogni modo rin­grazio per l'osservazione e, nella speranza di facilitare il lettore, provo ad esse­re più chiaro per chi potrebbe avere qualche difficoltà di comprensione. Quan­do parlo di "archetipo" mi riferisco ovviamente al testo non più esistente, e che starebbe a monte di quello tuttora custodito presso la Postulazione Generale, che invece definisco manoscritto "originale". Ho anche avanzato l'ipotesi che questo "originale" possa essere una copia sei-settecentesca, per alcune evidenti lacune presenti nel testo. In verità pensavo, evidentemente illudendomi, che il lettore comune - ma non è certo il caso del Paggiossi - potesse cogliere la sot­tigliezza della mia affermazione, e che parlando di "archetipo" nel senso su precisato non rischiassi di generare confusioni di sorta: siamo, del resto, in pre­senza di un solo manoscritto che ci ha trasmesso la Vita di P. Giacomo e, dun­que, siamo impossibilitati a classificare manoscritti inesistenti in famiglie, se­condo le norme della critica testuale, tali da poter risalire all'archetipo, quello vero.

    "Il manoscritto così come si presenta oggi", è dunque quello che io defi­nisco "originale", quello che invece ho chiamato "originale perduto", di cui il testo in nostro possesso è "copia" (p. XXI), è quello stesso che altrove ho chiamato "archetipo", tenendo conto ovviamente delle precisazioni sopra ripor­tate.

    Circa il riferimento ai puntini che, nella mia ricostruzione, indicano una evidente lacuna o una incomprensione del testo da parte del copista, si veda la nota n. 14 a p. 36, dove chiaramente si dice che la lacuna fa supporre "che il testo sia stato copiato da un manoscritto originale scomparso"; da qui anche l'introduzione delle parentesi quadre che integrano la parola mancante, ma solo per supposizione, non avendo altri manoscritti che riportino la "Vita" di P. Gia­como.

    Discutibile, a mio modesto parere, è anche il giudizio formulato dal recen­sore sulla "punteggiatura introdotta liberamente dal curatore". Essa, infatti, qualora fosse stata riportata fedelmente al manoscritto, non avrebbe aiutato af­fatto il lettore nella comprensione del testo. Sono costretto, dunque, a ribadire -cosa che credevo sufficientemente esplicato a p. XXV dell'Introduzione - che è stata introdotta soltanto una minima punteggiatura, cercando di mantenere, fin dove è stato possibile, quella originale, che è stata, quindi, solo normalizzata e resa maggiormente attuale; del resto, non avendo certamente avuto occasione di visionare il manoscritto (lo si desume chiaramente da questa e da altre afferma­zioni), mi chiedo come il recensore abbia potuto rilevare tale imperfezione.

    Altra osservazione mi viene mossa per non avere introdotto "uno straccio, non si dice di commento, ma di elementare spiegazione" riguardo ai "non pochi termini rari taluni praticamente sconosciuti che si incontrano nel testo, gli usi e tradizioni locali". A parte l'ineleganza dell'espressione, in nota, come si può osservare, ed in maniera sobria, ovviamente per non appesantire il testo, si è data spiegazione di ogni elemento particolare. La maggior parte dei termini, del resto, pur essendo talvolta rari o poco conosciuti, sono tuttavia decisamente comprensibili ai più. Ho, piuttosto, cercato di chiarire i riferimenti a fatti o per­sone ricordati nell'opera. Scopo del lavoro era quello di portare a conoscenza di un pubblico più vasto la "narrazione agiografica" e non le questioni linguisti­che che, chi vuole, può approfondire e studiare in altra sede.

    Con l'augurio che queste brevi precisazioni possano in qualche modo aver fugato tutti i dubbi del recensore - alcuni dei quali, mi sia consentito dire, e-spressi con arroganza dilettantistica e superficialità eccessive - nella correttezza professionale e nella buona educazione che dovrebbero essere compagne ad ogni valido studioso che voglia dirsi tale, lo saluto e lo ringrazio.


     


 


 
 
 
 
 
 
Martín Carbajo Núñez - via Merulana, 124 - 00185 Roma - Italia
Questa pagina è anche attiva qui
Webmaster